Blog

CLASSIC LIST

binge-eating-1200x663.png
11/Gen/2022

Il disturbo da alimentazione incontrollata, generalmente noto come binge eating disorder (BED), è un disturbo dell’alimentazione la cui caratteristica principale sono i ricorrenti episodi di abbuffate.
 Nel corso  dell’ abbuffata   si assumono grandi quantità di cibo in un tempo relativamente breve con la sensazione di perdere il controllo su cosa e quanto  si sta mangiando ed è presente un forte disagio psicologico e  senso di colpa e vergogna, che spesso inducono a mangiare da soli o di nascosto.
Gli episodi di alimentazione incontrollata  hanno  alcune o tutte  queste caratteristiche:
  • mangiare più velocemente del normale;
  • mangiare fino a quando ci si sente spiacevolmente sazi;
  • mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente fisicamente affamati;
  • mangiare da soli a causa dell’imbarazzo o vergogna per quanto si sta mangiando;
  • sentirsi disgustato verso se stesso, depresso o molto in colpa dopo le abbuffate.
  •  Le abbuffate  sono presenti almeno una volta a settimana per tre mesi.   
Il Disturbo da Alimentazione incontrollata si distingue dalla bulimia nervosa perché chi ne soffre non mette in atto comportamenti compensatori per controllare il peso, come vomito, abuso di lassativi, digiuno o eccessivo esercizio fisico. 
A soffrire del Disturbo da Alimentazione Incontrollata sono prevalentemente le donne, anche se la percentuale di soggetti di sesso maschile sta aumentando negli ultimi anni. Il picco di insorgenza è nella prima età adulta, ma può riguardare un ampio intervallo di età.
Tra i  Disturbi del Comportamento alimentare è il  più frequente.
Nella popolazione obesa, la frequenza di questo disturbo cresce in modo proporzionale alla gravità dell’obesità. Nel complesso si stima che soffra di Disturbo da Alimentazione Incontrollata circa il 20% delle persone obese che ricercano un trattamento per la perdita di peso. 
Quindi chi soffre  Disturbo da Alimentazione Incontrollata, corre il rischio di sviluppare nel tempo anche le complicanze dell’obesità, tra le quali : malattie cardiovascolari, apnee del sonno;  artrosi polidistrettuale  diabete etc.
 Per quanto riguarda la terapia, innanzitutto è necessario fare una corretta diagnosi. È importante che nella valutazione di ogni paziente obeso venga indagata con attenzione l’eventuale presenza di un Disturbo da Alimentazione Incontrollata, perché i pazienti non solo possono tendere a mascherarlo per disagio o senso di colpa, ma talvolta non sono nemmeno pienamente consapevoli della presenza di una condotta alimentare disfunzionale.
il trattamento per il Disturbo da Alimentazione Incontrollata e per l’obesità deve essere condotto da un team multidisciplinare di specialisti integrati tra loro.
 Prima di tutto  va fatta una valutazione  da un medico che abbia competenze nei disturbi alimentari( endocrinologo/internista) ma successivamente  il paziente sarà seguito con il supporto di  psicologi  dietisti ed eventualmente anche  psichiatri.
Articolo a cura della Dott.ssa Cinzia Di Petta, Medico specializzato in Endocrinologia e Diabetologia

20211124_114838-1200x2137.jpg
24/Nov/2021

Giovanni, anni 72, giunge alla nostra osservazione dopo aver eseguito una visita specialistica ortopedica per un forte dolore alla spalla destra che ne limitava sia lo svolgimento delle normali attività di vita quotidiana che la sua pratica sportiva (Giovanni, nonostante l’età, pratica ciclismo tre volte alla settimana percorrendo 80\90 km a sessione!). L’imaging ecografico mostrava una forte degenerazione della componente tendinea della cuffia dei rotatori con prevalenza del muscolo sovraspinato che mostrava segni fissurativi nella sua sede inserzionale.

Giovanni aveva difficoltà a dormire, la spalla era dolente anche nei movimenti di vita quotidiana, non aveva forza di prendere il piatto dallo scolapiatti. Per questi motivi gli abbiamo consigliato una visita ortopedica per valutare la situazione da un punto di vista chirurgico. L’ortopedico, dopo aver escluso l’intervento chirurgico, ha somministrato a Giovanni la corretta terapia in accordo con il Fisiatra e il fisioterapista.

In prima seduta il paziente ha eseguito un’attenta valutazione funzionale fisioterapica, mediante l’utilizzo di test clinici e chinesiologici, mostrando una evidente riduzione del rom articolare soprattutto nel movimento di abduzione e di elevazione del braccio con relativo deficit di forza.

Il paziente è stato trattato con tecniche di terapia manuale, l’utilizzo di energie fisiche (laser terapia) ed esercizio terapeutico tollerato dal paziente, mirate alla gestione del dolore, dell’infiammazione e al recupero del movimento completo.

Una volta regredita la sintomatologia dolorosa, abbiamo concentrato il nostro lavoro sull’esercizio terapeutico con esercizi di intensità e difficoltà crescente, nel rispetto comunque della sintomatologia dolorosa, mirati al recupero completo del movimento e della forza muscolare.

Giovanni pian piano riprende a fare cose che prima gli erano difficoltose, riprende a dormire e poi…riprende la sua amata biciletta, aumentando i km di volta in volta.

Il percorso di Giovanni non è terminato perché vuole migliorare la sua forza e prevenire eventuali infortuni. Ha scoperto il movimento è vita: MUOVERSI BENE, MUOVERSI MEGLIO.

Il percorso non è stato semplice ma grazie anche alla sua tenacia , oggi, dopo circa un mese e mezzo di lavoro Giovanni, è potuto tornare sulla sua amata bicicletta. Tutt’ora Giovanni sta continuando il suo percorso nel nostro centro al fine di stabilizzare ulteriormente il risultato ottenuto.

Dott. Lorenzo Calabrese- Fisioterapista


WhatsApp-Image-2021-10-07-at-10.50.43-1.jpeg
08/Ott/2021

Simone pratica triathlon, disciplina che si compone di tre specialità: bici, corsa e nuoto ed è appassionato di crossfit.

E’ venuto nel nostro Centro perché aveva fastidio al ginocchio destro durante la corsa.

Dopo aver effettuato una visita specialistica fisiatrica e un’attenta valutazione fisioterapica che ha incluso test muscolari, articolari, analisi posturale tramite pedana stabilometrica Prokin 252 e soprattutto attraverso l’analisi del cammino e della corsa con Walker View, abbiamo rilevato un disallineamento del ginocchio durante il movimento.

La corsa essendo un gesto motorio complesso ha bisogno di una valutazione specifica per determinare il punto debole durante l’azione.

Simona nella fase di appoggio monopodalico non riusciva a stabilizzare tutto il complesso anca/ ginocchia/caviglia con la conseguente inibizione dei muscoli fondamentali alla successiva spinta.

Tutto ciò provocava dolore; basti pensare che durante la corsa su 1 appoggio il nostro corpo deve sopportare un peso di diverse tonnellate……immaginate una tonnellata sull’apice della Torre di Pisa, le conseguenze ovviamente sarebbero disastrose per la Torre. E per il nostro corpo!!

Simone ha iniziato il suo percorso riabilitativo presso il nostro Centro.

In una prima fase con tecniche di terapia manuale abbiamo agito sul rilassamento miofasciale delle catene tese e dolorose e sul recupero completo del movimento articolare, per poi passare ad esercizi terapeutici di controllo motorio e reclutamento muscolare.

Siamo arrivati ad incrementare progressivamente il tono-trofismo dei muscoli chiave per un corretto allineamento posturale durante la corsa.

Durante il suo percorso Simone ha dovuto modificare molti movimenti scorretti, che non credeva assolutamente essere tali, presenti nella sua quotidianità e nella sua routine di allenamento. Tutto questo non è stato affatto semplice.

Siamo partiti da movimenti semplici e da facilitazioni, per permettergli di raggiungere un apprendimento motorio ottimale.

Rieducato nel gesto del suo sport specifico Simone ha ripreso gradualmente a correre, incrementando durata e intensità dei suoi allenamenti.

 

Dott.ssa Erica Caldarelli Fisioterapista       


WhatsApp-Image-2021-09-30-at-17.00.45-e1633100200521.jpeg
01/Ott/2021

Giulia si è rivolta al centro con un quadro di osteopenia importante (t-score inferiore a -2.5).

L’osteopenia è una malattia sistemica dell’apparato scheletrico caratterizzata da una bassa densità minerale e dal deterioramento della micro-architettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della fragilità ossea. Tale situazione porta, conseguentemente, ad una aumentato del rischio di frattura delle vertebre, femore, polso e caviglia per traumi anche minimi. In Italia il 23% delle donne oltre i 40 anni in menopausa è affetto da osteopenia.

Giulia dopo aver effettuato visita specialistica (esame MOC), visita con biologa nutrizionista e visita fisiatrica ha iniziato un percorso presso il nostro centro con il nostro personal trainer Giuseppe Cozzi con l’obiettivo di migliorare la sua core stability e incrementare il suo tono-trofismo su tutti i muscoli del corpo fondamentali per la stabilizzazione della postura.

La ricerca scientifica evidenzia come l’allenamento con sovraccarichi rappresenti una delle azioni preventiva per la prevenzione della fragilità ossea attraverso la stimolazione della rimineralizzazione ossea.

Durante il percorso il nostro trainer ha dovuto re-impostare migliorare tutti i movimenti di base di Giulia, inoltre la paura del movimento era diventata preponderante nella vita di tutti i giorni di Giulia. Il lavoro perciò è partito da movimenti semplici ma curati in ogni minimo particolare per poi piano piano, giorno dopo giorno, aumentare i carichi e la fiducia nel movimento da parte di Giulia.

Non sempre è andato tutto bene nel percorso della nostra cliente.  Ma attraverso un sistema di progressioni e regressioni codificato dal nostro staff, siamo sempre riusciti a svolgere una seduta efficace ed efficiente per cercare di migliorare il suo movimento.

Dopo un anno ci sono stati netti miglioramenti del quadro clinico con aumento del t-score.

Giulia non ha più paura di muoversi e in ogni seduta migliora il carico, la ripetizione e la qualità dei suoi movimenti. Il suo umore è migliorato. La fiducia nel suo corpo è tornata ad essere quella di una volta. E ogni volta che viene in palestra ci dice che “il movimento è stata la miglior cura”.

Dott. Giuseppe Cozzi Personal Trainer, Chinesiologo


WhatsApp-Image-2021-07-16-at-13.13.34.jpeg
16/Lug/2021

L’allenamento della forza e della resistenza in età giovanile è un argomento di interesse per molti ricercatori, medici, professionisti e allenatori. Quando iniziare, quanto è abbastanza o troppo, e cosa prescrivere è costantemente discusso e messo sotto esame. Tuttavia, al momento, prove scientifiche supportano l’idea che esistono grandi vantaggi derivanti dalla partecipazione a programmi di allenamento della forza giovanile, appositamente progettati e che siano supervisionati e gestiti da professionisti qualificati. Inoltre, i benefici dell’allenamento della forza a partire da età più giovani possono alla fine avere implicazioni a lungo termine per lo stile di vita sano di una persona e le capacità nelle future partecipazioni sportive.

Recenti ricerche hanno indicato che l’allenamento della forza può suscitare significativi miglioramenti delle prestazioni in termini di forza muscolare, resistenza muscolare, produzione di energia, velocità di cambiamento di direzione e agilità, equilibrio e stabilità, coordinazione e velocità di movimento negli atleti giovani. Ha anche effetti positivi sulla salute (ad esempio riduzione del rischio di malattie cardiovascolari), oltre a migliorare il benessere psicologico, oltre a contribuire a ridurre sia la gravità che l’incidenza delle lesioni.

 

L’allenamento della forza è ora riconosciuto come sicuro ed efficace sia per i bambini sia per gli adolescenti, quando adeguatamente progettati e supervisionati da professionisti qualificati e coerenti con i bisogni, gli obiettivi e le abilità di ciascun individuo.

Ci sono molti benefici per la salute associati all’attività fisica regolare nei bambini e negli adolescenti. Recenti scoperte indicano che l’allenamento della forza può offrire vantaggi esclusivi per bambini e adolescenti se adeguatamente prescritti e supervisionati, come influenzare positivamente diversi indici misurabili di salute e fitness. Ad esempio:

  • Composizione corporea
  • Profilo di rischio cardiovascolare
  • Ridurre il grasso corporeo
  • Facilitare il controllo del peso
  • Migliora la sensibilità all’insulina
  • Rafforza l’osso
  • Migliorare il benessere psicosociale

Un programma di allenamento della forza sembra essere particolarmente utile per i giovani sedentari che spesso non vogliono e non sono in grado di eseguire periodi prolungati di attività aerobica, come bambini e adolescenti in sovrappeso o obesi. La partecipazione a un programma di allenamento formale che include l’allenamento della forza può fornire un’opportunità per migliorare la propria forza muscolare, migliorare la coordinazione motoria e acquisire confidenza nelle proprie capacità percepite di essere fisicamente attivi.

Nonostante le preoccupazioni precedenti sviluppate da prove non comprovate negli anni ’70 e ’80, l’allenamento della forza sembra essere una strategia efficace per aumentare la salute delle ossa durante gli anni di crescita. Oltre a ottimizzare la salute dello scheletro durante l’infanzia, ciò è importante anche per ridurre la probabilità di fratture più avanti nella vita. È stato dimostrato che la partecipazione al regolare allenamento della forza migliora sia la densità minerale ossea

Esistono prove che indicano che i precursori delle malattie cardiovascolari hanno origine nell’infanzia e nell’adolescenza.

Sebbene non sia previsto un requisito minimo di età per partecipare a un programma di allenamento della forza dei giovani, tutti i partecipanti dovrebbero avere anche la competenza comportamentale fondamentale:

  • Accettare e seguire le istruzioni
  • Comprendere le considerazioni sulla sicurezza di base
  • Possedere livelli competenti di equilibrio e controllo posturale

Pertanto, l’allenamento della forza giovanile potrebbe iniziare con bambini di 5-6 anni, purché presentino queste caratteristiche fondamentali.

Allenamento della Forza in Età Giovanile

Allenamento della Forza in Età Giovanile – 2° PARTE

 

 


WhatsApp-Image-2020-07-20-at-09.43.13.jpeg
25/Mar/2021

La spalla è l’articolazione più complessa, più sofisticata e con maggiori possibilità di movimento di tutto l’organismo, è formata da tre ossa:

– l’omero,

– la scapola,

– la clavicola.

A queste si aggiungono un sistema di tendini, muscoli, nervi e vasi sanguigni.

I primi permettono i movimenti, mentre i vasi sanguigni sono indispensabili al nutrimento dei tessuti che compongono la spalla.

La parte superiore della spalla è delimitata dall’articolazione tra la scapola e la clavicola, che all’estremità opposta si articola con lo sterno. La scapola, invece, si articola anche con l’omero, che inserisce la sua testa sferica all’interno della cavità gleinoidea, una rientranza sulla superficie della scapola. I cosiddetti tubercoli dell’omero permettono invece ai muscoli della cuffia dei rotatori di attaccarsi saldamente all’articolazione della spalla.

La stabilità della spalla è possibile grazie ai quattro legamenti associati alle ossa della spalla, e che connettono l’omero alla cavità glenoidea. Questi legamenti sono i legamenti gleno-omerali (superiore, medio e inferiore). La spalla riesce a sopportare forti carichi grazie al legamento coraco-acromiale, che collega la scapola alla clavicola, e ai legamenti coraco-clavicolari (trapezoide e conoide), che uniscono la clavicola alla scapola.

A che cosa serve la spalla?

La spalla permette di muovere e posizionare braccia e mani come desiderato, e di collegarli al tronco. Scorrendo lungo la parte posteriore del torace la scapola consente i movimenti ad ampio raggio che possono essere compiuti con il braccio. Ciò ha luogo grazie all’articolazione tra scapola e omero, e all’articolazione scapolo-toracica, cioè quella tra la scapola e le costole, localizzata nella parte posteriore del torace.

I principali movimenti del braccio consentiti dalla spalla sono:

– la flessione,

– l’estensione,

– l’abduzione (cioè l’elevazione laterale),

– la rotazione esterna,

– la rotazione interna,

– la rotazione anteroposteriore.

Dolore alla spalla: quali possono essere le forme più comuni?

La tendinite calcifica di spalla, molto frequente nelle donne sopra i 50 anni, oppure una tendinite, l’artrosi, la capsulite adesiva, la frozen shoulder, o spalla congelata.

Il dolore può essere causato da un evento traumatico ben definito oppure da microtraumatismi ripetuti che superano la capacità di resistenza dei tessuti.

Oppure il dolore alla spalla può essere sintomo dell’evoluzione di patologie infiammatorie e/o degenerative che possono coinvolgere i tendini della spalla (lesione della cuffia dei rotatori) oppure il tessuto osteo-cartilagineo (processo dell’artrosi).

I tre sottogruppi della spalla dolorosa si riferiscono pertanto ai danni di tre tipi di tessuto differenti:

  • ai legamenti articolari della spalla;
  • ai tendini della spalla (cuffia dei rotatori);
  • alla struttura osteo-cartilaginea.

In sintesi la spalla è l’articolazione più mobile del corpo umano, ma presenta molti punti di fragilità.

Questa sua fragilità può essere compensata da un buon stile di vita, utilizzando l’attività fisica per migliorare la postura, mantenere tonici i muscoli ed elastici i tessuti.

Anche una buona alimentazione che eviti gli eccessi e le cosiddette patologie dismetaboliche da squilibrio nutrizionale, aiuta a rimanere sani ed efficienti.

Quando la spalla si ammala è necessaria un’accurata diagnosi supportata dalle moderne metodiche radiologiche per comprenderne meglio i danni.

La spalla si presta molto bene alle terapie conservative, cioè al trattamento del dolore e soprattutto alla fisioterapia.

L’approccio chirurgico resta fondamentale per pochi casi ben selezionati, dopo aver discusso con il medico i benefici del trattamento e le aspettative del paziente.

Staff Centro Equilibrium 2.0

 

 

 

 


IMG-20210315-WA0002_2-1200x900.jpg
15/Mar/2021

Il legamento crociato anteriore (LCA) è uno dei 4 legamenti più importanti del ginocchio. Viene definito tale perché si incrocia, insieme al legamento crociato posteriore, al centro dell’articolazione. La sua funzione è quella di stabilizzare il ginocchio impedendo lo spostamento anteriore della tibia rispetto al femore.

Esso può essere sottoposto a forti sollecitazioni meccaniche soprattutto durante l’attività sportiva e può andare incontro a rottura. La frequenza di lesione del LCA è stimata tra 0,006 e 10 per ogni 1000 ore di gioco.

Quali sono i meccanismi di lesione del LCA?

Innanzitutto dobbiamo dividere a tipologia di lesione da CONTATTO o SENZA CONTATTO

-gli infortuni da contatto si verificano tramite un’azione durante il normale corso di una partita e comporta un contatto fisico tra due o più giocatori.

-le lesioni senza contatto possono verificarsi dopo la caduta da un salto, per iperestensione, per una flessione forzata del ginocchio e per svolte improvvise, questi sono i meccanismi di lesione che si sviluppano più frequentemente.

 

Tendenzialmente gli aumenti di varismo o valgismo in combinazione con la flessione ed estensione risultano essere determinanti per la rottura del LCA.

Come diagnosticare la rottura del legamento crociato anteriori?

Dal punto di vista strumentale il gold standard per la diagnosi di rottura del LCA è LA RISONANZA MAGNETICA

Dal punto di vista clinico

-Test di Lachman

-Jerk test

-Test del cassetto anteriore

Sono i test utilizzati dall’ortopedico per evidenziare una rottura e un’instabilità articolare.

Cosa fare se il legamento risulta essere rotto?

La ricerca evidenzia come un periodo di 6/8 settimane di pre-operatorio seguito da personale specializzato incentrato sull’incremento della forza e della mobilità articolare porterà benefici nel post-intervento.

L’intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore viene eseguito in artroscopia utilizzando nella gran maggioranza:

-gracile e semitendinoso

-tendine rotuleo

-donatore da cadavere

Dopo l’operazione la ricerca sottolinea come un inizio tempestivo della riabilitazione intorno alla 1 settimana post intervento è consigliato per un tempestivo recupero.

Le fasi della riabilitazione seguiranno precisi parametri con l’obiettivo di diminuire il gonfiore e il dolore e successivamente aumentare e incrementare i parametri di equilibrio mobilità e forza fino al recupero dei movimenti di base e quelli del gesto sportivo.

All’interno del centro Equilibrium ogni passo dal pre-operatorio alla riabilitazione viene impostato dopo una visita Fisiatrica .

In ogni fase medico e fisioterapista lavorano in sinergia per aggiornare e personalizzare il percorso riabilitativo seguendo le più recenti ricerche scientifiche garantendo così una riabilitazione all’avanguardia e “cucita” su misura sul paziente.

Dott. Vittorio Gennaro

 


ipopressivi2.jpg
08/Mar/2021

Cos’è la ginnastica ipopressiva?

Un metodo di riprogrammazione posturale globale che aiuta nelle problematiche uroginecologiche.

Come si attua?

Attraverso una serie di posture con l’associazione di una tecnica respiratoria precisa.

A cosa serve?

  • Tonifica in forma riflessa i muscoli del pavimento pelvico;
  • Riarmonizza le catene muscolari che partecipano al mantenimento della postura;
  • Decomprime i gangli linfatici della pelvi migliorando la circolazione a livello della pelvi stessa e delle gambe;
  • Tonifica gli sfinteri uretrali e anali, quindi previene l’incontinenza;
  • Previene la discesa degli organi pelvici ed evita che ciò continui.

Per chi è indicata?

  • Per problemi di incontinenza urinaria o fuoriuscite di gas.
  • Per chi ha un prolasso dell’utero, della vescica o del retto.
  • Per chi ha dolori addominali, un transito intestinale lento o stitichezza.
  • Per le donne in epoca di pre-menopausa e menopausa.
  • Per chi ha partorito o vuol restare incinta ma non si è ripresa del tutto dal parto precedente.
  • Per chi ha addominali deboli o pancia gonfia.
  • Per chi ha la diastasi dei retti dell’addome.
  • Per chi pratica sport ad alto impatto o per chi è professionista sportivo.
  • Per chi è stato sottoposto a chirurgia addominale o ginecologica.

Dott.ssa Alessia Battaglia


FASCITE.jpg
02/Mar/2021

 

Con il termine fascite plantare si intende un insieme di sintomi a prevalenza dolorosa che coinvolge la fascia plantare. Tra le cause non traumatiche che comportano dolore al piede è la più diffusa. Più di un terzo dei pazienti con fascite plantare presenta gli stessi sintomi in entrambi i piedi.

Negli Stati Uniti colpisce il 10% delle persone almeno una volta nell’arco della vita, l’83% di questi pazienti sono soggetti attivi ed hanno un’età compresa tra i 25 e i 65 anni.

L’eziologia non è chiara ma sicuramente multifattoriale.

Fattori di rischio intrinseci includono:

– un indice di massa elevato, presente in più del 70% dei pazienti con fascite plantare

– la presenza di una spina calcaneare, presente in circa il 50% dei pazienti

– l’eccessiva pronazione del piede, presente tra l’81% e l’86% dei pazienti

– l’età che contribuisce ad assottigliare il tessuto adiposo sub-calcaneare ed aumenta la possibilità di formazione di spine calcaneari

-il piede piatto o troppo arcuato

 

Fattori estrinseci includono:

– l’uso di calzature inadeguate che non offrono un corretto sostegno all’arco plantare

– occupazioni che necessitano di molte ore in piedi (operai, magazzinieri)

– un rapido aumento dell’attività fisica

La più alta distribuzione della patologia è stata registrata negli atleti, dove è stata riscontrata nel 10% dei corridori. Nella corsa, infatti, durante la fase di appoggio del tallone al suolo, viene a determinarsi una compressione del cuscinetto calcaneare con una forza pari circa al 200% del peso corporeo. Pertanto in sportivi che non hanno un’adeguata resistenza o flessibilità muscolare, che quindi hanno una ridotta capacità di assorbimento degli urti, l’avvio di un nuovo programma di allenamento potrebbe portare a un sovraccarico della fascia plantare.

Nonostante la fascite plantare sia più frequente negli sport che richiedono la corsa e il cammino per lunghe distanze, essa è stata associata anche ad individui giovani che praticano attività sportive

inclusive del salto. Infatti la patologia è frequente anche tra i ballerini, i tennisti e i giocatori di pallacanestro.

Il dolore solitamente è avvertito alla base del calcagno, dove la fascia plantare s’inserisce sul tubercolo mediale del calcagno. Talvolta viene avvertito a livello del mesopiede o sotto le teste metatarsali. Altri sintomi, più rari, includono parestesia, formicolii o sudorazione eccessiva alla base del calcagno.

Comunemente il dolore è più acuto la mattina al risveglio, e si accentua con il carico.

Di notte i piedi assumono una posizione rilassata (con le punte verso il basso), in questo modo il tendine d’Achille si “accorcia” e con questo anche la fascia plantare. Se è in atto un’infiammazione delle fibre, esse alla ripresa della posizione a 90° del piede, non riescono a stendersi e ne deriva un dolore molto forte. Il dolore raggiunge poi la sua massima intensità alla sera, dopo lunga stazione eretta, si può aggravare nel salire le scale o alzandosi sulla punta dei piedi.

All’ispezione, il piede è ricoperto da cute integra; nei casi particolarmente acuti si può rilevare un arrossamento ed un gonfiore sulla pianta del tallone.

Per quanto riguarda la diagnosi, essa può essere fatta con ragionevole certezza basandosi sull’anamnesi, sulla storia del dolore e sull’esame obiettivo.

La diagnostica per immagini, invece, svolge un ruolo limitato nella pratica clinica, anche se può essere utile in casi specifici per escludere altre cause di dolore al tallone, per effettuare, quindi, una diagnosi differenziale, o confermare la diagnosi di fascite plantare quando è in dubbio.

Nel trattamento sono utilizzate varie terapie; inizialmente lo scopo principale è alleviare il dolore, a ciò segue una ripresa graduale dell’attività sportiva, programmando adeguatamente l’aumento dei carichi di lavoro, ritardando nel tempo l’attività di salti, evitando inizialmente la corsa su superfici dure.

Il centro Equilibrium 2.0 propone un’attenta valutazione medica specialistica fisiatrica che delinea, insieme alla figura del fisioterapista, il percorso riabilitativo più adatto al paziente che soffre di questa patologia.

Dott.ssa Caldarelli Erika


TENDINOPATIA.jpg
22/Feb/2021

La tendinopatia achillea è una lesione dolorosa da “overuse” molto comune negli atleti, in particolare quelli che praticano sport di corsa e salto. Nonostante sia molto comune, il suo trattamento può presentare molte difficoltà legate soprattutto al difficile inquadramento del processo biologico collegato alla patologia del tessuto, in relazione al dolore.

Il disturbo principale è caratterizzato da un dolore a livello del tendine, che può essere localizzato più sulla porzione centrale del tendine, oppure nella sede di inserzione del tendine stesso sul calcagno (tendinopatia inserzionale).

In alcuni casi, la comparsa del dolore è accompagnata dal rigonfiamento del tendine stesso.

L’intensità del dolore al tendine può essere leggera, quando il dolore compare solo sotto sforzo e scompare immediatamente dopo la sua cessazione, moderata quando il dolore persiste per lungo tempo dopo la cessazione dell’attività intensa e infine severo quando il dolore è presente, con zoppia, anche in attività leggere come il cammino.

Oltre al dolore, la tendinopatia achillea è accompagnata da alterazioni della struttura e delle proprietà meccaniche del tendine.

Secondo una recente teoria espletata da una delle massime studiose in ambito tendineo (J. CooK), la tendinopatia prevede tre fasi di sofferenza tendinea:

  • FASE REATTIVA: Una risposta adattativa, non infiammatoria e a breve termine della cellula (attivazione e proliferazione). Questo processo si verifica in risposta a sovraccarico acuto, ritorno al carico dopo un periodo di riposo, oppure in seguito a un trauma diretto al tendine. E’ reversibile se gestito in modo appropriato.
  • FASE DI “DIS-RIPARAZIONE”: il tendine prolifera in modo disorganizzato a causa del sovraccarico cronico che non permette un corretto ricambio cellulare. E’ reversibile se gestito in modo appropriato.
  • FASE DI DEGENARAZIONE: si osserva una significativa disorganizzazione fibrillare. Iniziano a comparire aree senza cellule, con generazione di vasi e matrice extracellulare, senza collagene, dunque senza capacità tensile. È parzialmente reversibile se gestito in modo appropriato.

CAUSE:

La tendinopatia achillea può insorgere nel punto di inserzione del tendine sul calcagno (tendinopatia achillea inserzionale) o nella porzione intermedia, da 3 a 6 cm più in alto rispetto al tallone. Questa porzione di tendine ha una vascolarizzazione ridotta, pertanto è più soggetta ad un processo di degenerazione.
fattori predisponenti della tendinopatia Achillea sono:

  • sovraccarico funzionale
  • terreni d’allenamento troppo duri
  • calzature non idonee
  • disturbi posturali

 

INQUADRAMENTO E TRATTAMENTO:

 

Da questa breve analisi della patologia, è facilmente comprensibile come la difficoltà e spesso l’insuccesso nel suo trattamento risieda nel non sempre corretto inquadramento della fase del disturbo. Da un punto di vista riabilitativo è possibile dividere le tendinopatie in due fasi;

una fase reattiva/rimodellamento iniziale e una fase rimodellamento tardivo/degenerazione.

Il trattamento prevede approcci variabili, a seconda della fase, che vanno dall’utilizzo di terapia fisica strumentale all’esercizio terapeutico progressivo basato sulla modulazione del carico;

è universalmente riconosciuto nella comunità scientifica come quest’ultimo, insieme al cambiamento di alcune attività, presenta un outcame migliore nella gestione di tale patologia.

È ovviamente fondamentale rispettare il “carico di lavoro-tempo di recupero-volume di lavoro” per ottenere uno stimolo adeguato a generare una riparazione tissutale. Un punto fondamentale per quest’approccio risiede nella personalizzazione del trattamento (un atleta di alto livello non dovrebbe essere gestito come una persona anziana).

In quest’ottica, è premura del CENTRO EQUILIBRIUM 2.0, dopo un’accurata diagnosi ed un corretto inquadramento della patologia, proporre al paziente un piano riabilitativo personalizzato e adeguato alle proprie esigenze.

Cook JL, Purdam CR.

Is tendon pathology a continuum? A pathology model to explain the clinical presentation of loadinduced tendinopathy. Br J Sports Med, 2009;43(6): 409–16.

Postgrad Med J. 2020 Feb;96(1132):94-101. doi: 10.1136/postgradmedj-2019-136786. Epub 2019 Nov 22.

Revolving doors of tendinopathy: definition, pathogenesis and treatment.

Ahmad Z1, Parkar A2, Shepherd J3, Rushton N4.

 

Dott. Calabrese Lorenzo, Fisioterapista


EQUILIBRIUM

Il Centro Fisioterapico Equilibrium 2.0 nasce a Pescara con l’ idea di abbinare la terapia manuale al movimento poichè esso è parte fondamentale di qualsiasi processo di guarigione e di mantenimento dello stato di salute.

Copyright by Equilibrium 2.0 srl. Tutti i diritti sono riservati.